Algernon Blackwood

Fortunosamente scampato a un missile V2 che gli distrusse la casa, Algernon Blackwood (1869-1951), prolifico autore inglese di racconti e romanzi che spaziano dall’occulto alla ghost story, è famoso e celebrato in Inghilterra e in America, dove è considerato un maestro indiscusso, amato da Lovecraft e dai più importanti scrittori contemporanei di genere, come Anne Rice e Stephen King. I casi del dottor Silence furono pubblicati nel 1908 e ristampati nel 1942 con una nuova prefazione dell’autore. I due casi di Jim Shorthouse invece sono tratti dalla raccolta The empty house, and other ghost stories edita nel 1906.

I libri

John Silence e altri incubi

John Silence e altri incubi

Algernon Blackwood

Ti potrebbero interessare...

Ippopotami e sirene

Ippopotami e sirene

Eva Cantarella
La ragazza che scrisse Frankenstein
Avventura nell’Artico

Avventura nell’Artico

Arthur Conan Doyle
Questa città che non finisce mai
Etimologie o origini

Etimologie o origini

Isidoro di Siviglia
Autobiografia

Autobiografia

Ignazio di Loyola

Dal blog

Star Wars: fantasy o fantascienza?

19.2.2019
Quando si parla di Star Wars non vi è dubbio sul fatto che si tratti di un’opera di fantascienza (più precisamente di...

Perché i libri polizieschi si chiamano gialli?

21.1.2019
Il genere poliziesco conosciuto in Italia come giallo, prende il nome da una famosa collana della casa editrice Mondadori...

Un libro per avvicinare anche i più piccoli alla tragedia dell’Olocausto

Redazione | 18.1.2019
La commovente storia vera delle sorelle Bucci, due bambine sopravvissute alla Shoah, è ora un libro.

Guida ai libri da regalare a Natale

Redazione | 13.12.2018
I consigli della redazione per non sbagliare un regalo, fare anche quest’anno bella figura e non spendere troppo.

Novità

Giallo scuro

Giallo scuro

Vincenzo Lauricella
Streghe

Streghe

Mona Chollet
Le due vite di Lucrezia Borgia

Le due vite di Lucrezia Borgia

Andrea Santangelo, Lia Celi
Bici Zen

Bici Zen

Juan Carlos Kreimer
Elogio della modernità

Elogio della modernità

Flavio Caroli