Etica e Trattato Teologico-Politico

Vissuto in un’età intollerante e fanatica, dilaniata da conflitti che lasciarono tracce dolorose anche sulla sua storia personale e familiare, bandito nel 1656 dalla comunità ebraica di Amsterdam con una scomunica densa di esecrazioni durissime, Baruch Spinoza, indefesso paladino della libertà di “filosofare e ricercare”, non ha mai smesso di affascinare nei secoli lettori di ogni genere, avvinti dalle sue teorie filosofiche così come dalla sua controversa figura, spesso avvolta dalla leggenda e da un romanticismo di maniera. Uomo di cultura vasta e profonda, partecipò ai grandi dibattiti religiosi e sociali del suo tempo, manifestando negli scritti l’esigenza di una radicale secolarizzazione della teologia tradizionale; esigenza che non poteva accordarsi in nessun modo con l’ortodossia, ebraica o cristiana. Spinoza non fu però un teorico dell’ateismo: se è vero che nessun Dio della trascendenza e della religione rivelata trova spazio nel suo sistema, vi è un Dio in Spinoza, il Deus sive Natura, che si manifesta nel mondo attraverso il linguaggio della ragione, nelle leggi della natura e della società. Viene presentata in questo volume quella che è sicuramente l’opera più importante del filosofo olandese, apparsa postuma nel 1677, l’Ethica ordine geometrico demonstrata, insieme all’unico libro pubblicato lui vivente, il Tractatus theologico-politicus, manifesto contro ogni fanatismo. Nell’epoca dei roghi e dell’Inquisizione, il pensiero di Spinoza appare in tutta la sua dirompente radicalità.

 

Sommario

• Etica

• Trattato Teologico-Politico

Articoli correlati

Per amore dei libri

Redazione | 23.4.2016
Il 23 aprile si celebra la giornata mondiale del libro, istituita dall’UNESCO nel 1996 come giornata mondiale del libro...

Potrebbero piacerti anche

Prodotti correlati

Streghe

Streghe

Mona Chollet
Le due vite di Lucrezia Borgia

Le due vite di Lucrezia Borgia

Andrea Santangelo, Lia Celi
Bici Zen

Bici Zen

Juan Carlos Kreimer
Elogio della modernità

Elogio della modernità

Flavio Caroli
Il giardino è un animale selvatico