Felicemente sconnessi
Come curarsi dall'iperconnettività

Internet, e-mail, social network, smartphone, tablet sono diventati il metronomo della nostra vita. La connettività plasma il cervello, ne altera le funzioni, i circuiti. Ci fa credere di andare più veloci e invece buttiamo via un sacco di tempo. Ci fa credere di poter fare più cose ma in realtà siamo distratti di continuo e spinti a galla verso un pensiero debole e superficiale. Perdiamo la concentrazione, la memoria, il sonno, il silenzio, la pace della solitudine, la capacità di ascolto. La distrazione degli altri ci irrita; la nostra ci consuma, ci impoverisce. Come difendersi e reagire? Questo libro ci offre tutti gli strumenti per usare il
digitale senza farsi schiacciare.

Prodotti correlati

I papà vengono da Marte, le mamme da Venere

I papà vengono da Marte, le mamme da Venere

Alberto Pellai, Barbara Tamborini
Donne di denari

Donne di denari

Debora Rosciani
Tutto troppo presto

Tutto troppo presto

Alberto Pellai
Allora ciao

Allora ciao

Milena Stojkovic, Camilla Galeota
Non chiedere la luna se hai già le stelle