Gli ultimi giorni di Mata Hari

Parigi, nel 1917, è immersa nel buio del coprifuoco. L’esercito tedesco incombe sulla città. Qua e là le truppe francesi si ammutinano, mentre la produzione è messa in pericolo dagli scioperi. Non si sa a chi dare la colpa di questo disastro, che rischia di travolgere la capitale del XIX secolo. Sui giornali i caricaturisti ritraggono le figure più odiate: i ricchi, privilegiati e imboscati, i profittatori di guerra, le spie.
Margaretha Geertruida Zelle, meglio nota come Mata Hari, si candida così al ruolo di capro espiatorio perfetto. Ricca non lo è, forse, ma ha calcato i palchi di molti teatri, e i parquet di molti salotti; ha avuto amici e amanti importanti, è conosciuta da tutti e tutti conosce nel mondo dorato della Belle Époque, che dal fronte si tiene certo ben lontano. Dall’inizio della guerra ha incontrato e amato anche tenenti, colonnelli e capitani, cui, a quanto si dice, ha carpito informazioni da vendere al miglior offerente. Così, nonostante le prove inconsistenti, Mata Hari viene arrestata, processata e condannata a morte.
Nei giorni che precedono il 15 ottobre, data fissata per l’esecuzione, quel mondo di scrittori, intellettuali, dandy, diplomatici e ufficiali rimane col fiato sospeso. Non possono fucilare Mata Hari, pensano tutti: non oseranno.
Giuseppe Scaraffia ricostruisce quegli ultimi giorni a partire da testimonianze e documenti, pagine di diario e stralci di opere letterarie. Dov’erano in quei giorni Gabriele d’Annunzio ed Ernest Hemingway, Lawrence d’Arabia e Claude Debussy? Che cosa pensavano e scrivevano Colette, Filippo Tommaso Marinetti, Virginia Woolf, Arthur Conan Doyle o Marcel Proust?
In questo caleidoscopio di storie e personaggi al centro resta comunque lei, Mata Hari: nel suo desiderio di farsi opera d’arte vivente, riesce infine a liberarsi dello stigma del capro espiatorio, tramutando la sua esecuzione in un ultimo spettacolo quasi perfetto.

Giuseppe Scaraffia

Giuseppe Scaraffia, nato a Torino nel 1950, vive a Roma, dove insegna Letteratura francese alla Sapienza. Collabora con “il Sole 24 Ore” e con “Sette”. Tra i suoi libri più recenti: Gli ultimi dandies (Sellerio, 2002), Sorridi Gioconda! (Mondadori, 2005), Cortigiane (Mondadori, 2008), Femme fatale (Vallecchi, 2009), Le signore della notte (Mondadori, 2011), I piaceri dei grandi (Sellerio, 2012), Infanzia (Sellerio, 2013), Il romanzo della Costa Azzurra (Bompiani, 2013). Nel 2008 ha vinto il premio speciale “Grinzane – Beppe Fenoglio”.

Prodotti correlati

L'ultimo re di Napoli

L'ultimo re di Napoli

Gigi Di Fiore
La ragazza che scrisse Frankenstein
L'uomo della provvidenza

L'uomo della provvidenza

Arrigo Petacco
Il grande Gualino

Il grande Gualino

Giorgio Caponetti
Un veneziano alla corte moghul