Il ratto di Proserpina

“Le dita affondano nella carne bianca come per trattenere un sogno fuggevole…” è l’incipit che ha dato l’avvio a tutti i racconti contenuti in questa antologia. Una raccolta nata dal desiderio di celebrare la passione che riesce a comunicare con un’intensità senza pari un’opera come il gruppo scultoreo di Gian Lorenzo Bernini dedicato al ratto di Proserpina. La stessa passione che è al centro del mito raffigurato. Storie d’amore, storie d’affetto familiare e storie di violenza che attraverso il filtro del mito, dell’arte e della scrittura acquistano un sapore e una statura diversi e si trasformano in altrettanti spunti da cui ripartire per il lettore.

Potrebbero piacerti anche

I miei primi 54000 anni
Mi chiamavano Togliatti
Tu non ci credere mai

Tu non ci credere mai

Alessandro Marchi

Prodotti correlati

Malati di sesso

Malati di sesso

Marina Marchetti
La colpa

La colpa

Ghirghis Ramal
La corda del violino

La corda del violino

Michele Scaranello
Il bambino di carta

Il bambino di carta

Marina Migliavacca Marazza
La guerra di Napulione a Palermo