Il saggio e l'elefante
30 rinascite del Buddha

«Quando a Benares regnava Brahmādatta…». Così, con questa formula che equivale al nostro «c’era una volta», inizia la maggior parte dei jataka: i racconti delle vite anteriori del Buddha, secondo la tradizione della letteratura indiana.
Ormai giunto alla sua ultima incarnazione, e per così dire sulla soglia del nirvana, il Buddha in persona raccontò le sue avventure nel ciclo delle rinascite ai discepoli. Ma queste favole, che rappresentano sicuramente la parte più accessibile dell’intera dottrina, sono un meraviglioso velo avvolto intorno alle questioni più importanti della cultura buddhista, dalla dottrina del karma al concetto di risveglio, dall’idea di rinascita fino all’oblio al quale sono condannati tutti coloro che nelle vite precedenti non si sono sufficientemente avvicinati alla virtù, incapaci di seguire l’insegnamento del Buddha.
Praticamente infinite sono le condizioni sociali, i mestieri, le specie animali in cui il Buddha ha trascorso le sue vite. È stato figlio di re, mercante, artigiano, guerriero. Ma è stato anche un elefante, un’antilope, una scimmia. Ha conosciuto le città e le cinque specie dei deserti, ha affrontato demoni e briganti. Dovunque sia passato, la sua virtù ha reso migliore il mondo, e gli ha acquistato meriti preziosi nel suo cammino di liberazione.
Gli jataka insegnano che, dall’infimo al grandioso, tutto ciò che vive è sottoposto al ciclo delle rinascite, e aspira a riscattarsi. E in questa immensa, colorata, imprevedibile illusione che definiamo la “realtà” non c’è condizione che non sia transitoria e sottoposta al cambiamento.

Potrebbero piacerti anche

La società dell'orso
Miniere di sale

Miniere di sale

Francesco Bacone
Il momento propizio

Prodotti correlati

Antichità giudaiche

Antichità giudaiche

Giuseppe Flavio
Il capitale

Il capitale

Karl Marx
La ricchezza delle nazioni
Scritti politici

Scritti politici

Georges Sorel
Scritti sulla tolleranza
De rerum natura

De rerum natura

Lucrezio