La filosofia dello spirito

Come conciliare la scissione originaria tra spirito e natura, tra soggetto e oggetto, tra finito e assoluto? È questo uno dei problemi fondamentali della Filosofia dello spirito e del sistema teorico di Hegel in generale. Un sistema che ha la peculiarità e il merito di provare a introdurre il movimento nel pensiero, rifiutando come intellettualistiche – e perciò non razionali – quelle categorie statiche e astratte che sono state prodotte in ogni fase del cammino della scienza.
Nata come terza sezione dell’opera di Hegel più monumentale (l’Enciclopedia delle scienze filosofiche in compendio), la Filosofia dello spirito emerge fin dalla sua prima elaborazione con una propria specificità e autonomia, rimanendo, però, ugualmente parte del grande sistema generale, comprendente logica, metafisica e filosofia della natura. Lo spirito per Hegel è di fatto il motore di tutto: ciò che tiene insieme il sistema, promuovendo al contempo ogni trasformazione. È “la sostanza etica consapevole di sé”: la realtà effettiva prodotta dall’operare di ciascuno, dove il sé non sperimenta più alcuna opposizione rispetto al proprio mondo. Solo ripercorrendo con attenzione le tappe della coscienza individuale e collettiva, attraverso i concreti contenuti storici e il lavoro della memoria, il mondo moderno potrà, secondo Hegel, afferrare la realtà profonda dello spirito.

Articoli correlati

Per amore dei libri

Redazione | 23.4.2016
Il 23 aprile si celebra la giornata mondiale del libro, istituita dall’UNESCO nel 1996 come giornata mondiale del libro...

Potrebbero piacerti anche

Desiderio e riconoscimento

Desiderio e riconoscimento

Georg Wilhelm Friedrich Hegel

Prodotti correlati

Adriano

Adriano

Andrea Carandini, Emanuele Papi
Casamonica

Casamonica

Nello Trocchia
Rompere le regole

Rompere le regole

Marco Belpoliti, Giovanni De Luna, Nicola Gardini, Nadia Fusini, Fabrizio Gifuni, Francesca Rigotti
Ippopotami e sirene

Ippopotami e sirene

Eva Cantarella
Storia di un ebreo fortunato

Storia di un ebreo fortunato

Vittorio Dan Segre