La pace dell'animo

Il dialogo filosofico De tranquillitate animi è l’equilibrato, ma al contempo accorato, invito di Seneca all’amico Sereno (quando si dice: un nome, un destino) a coltivare la propria interiorità, con costanza e senza tentennamenti, ovvero con rimedi di volta in volta vivificanti e lievi o potenti e invasivi, da somministrare a un animo soggetto a fisiologici ondeggiamenti, perennemente indeciso, motivato però a trovare la via della saggezza. Una rotta, quella della saggezza stoica, sempre “uniforme e favorevole” a partire dai concetti di “euthumia” e conoscenza di sé. Da evitare, sopra ogni altra cosa, sono le ricadute: l’animo può cadere ammalato e rimanere gravato dalla malattia, esattamente come il corpo – ci insegna Seneca con un’intuizione di sorprendente modernità.

Prodotti correlati

La partita perfetta

La partita perfetta

Corrado Del Bò, Filippo Santoni de Sio
Antinomia ben temperata

Antinomia ben temperata

Andrea Carandini
Storia della Filosofia 1

Storia della Filosofia 1

Nicola Abbagnano
Storia della Filosofia 2

Storia della Filosofia 2

Nicola Abbagnano
Storia della Filosofia 3

Storia della Filosofia 3

Nicola Abbagnano
Scritti politici

Scritti politici

Georges Sorel