Lettere a Lucilio sul tempo, la vita, la libertà

La straordinaria raccolta di lettere filosofiche, di cui sono qui proposte alcuni parti, è stata scritta da Lucio Anneo Seneca negli ultimi anni della sua vita, quando ormai aveva lasciato, a causa di Nerone, la scena pubblica e l’impegno politico attivo (62-65 d.C.). Seneca e l’amico poeta Lucilio, destinatario delle epistole, avevano un gioco, una tacita intesa, uno di quegli accordi scherzosi che nascono per familiarità e affetto e nei casi più felici continuano con gli anni: Seneca disseminava quasi ogni lettera di “soldi” di sapienza («Poiché ti devo ogni giorno un piccolo tributo», così Seneca scriveva), cioè massime, aforismi, pensieri che potessero illuminare l’amico nel suo percorso di perfezionamento esistenziale e di cura di sé. Con generosità e grandezza d’animo, Seneca pagava il “soldo” e insieme elargiva pensieri, pillole di saggezza che fortunatamente sono giunte fino a noi.

Articoli correlati

Per amore dei libri

Redazione | 23.4.2016
Il 23 aprile si celebra la giornata mondiale del libro, istituita dall’UNESCO nel 1996 come giornata mondiale del libro...

Prodotti correlati

La notte del mondo

La notte del mondo

Diego Fusaro
Identità

Identità

Francis Fukuyama
Rompere le regole

Rompere le regole

Marco Belpoliti, Giovanni De Luna, Nicola Gardini, Nadia Fusini, Fabrizio Gifuni, Francesca Rigotti
La partita perfetta

La partita perfetta

Corrado Del Bò, Filippo Santoni de Sio
Antinomia ben temperata

Antinomia ben temperata

Andrea Carandini
Storia della Filosofia 1

Storia della Filosofia 1

Nicola Abbagnano