Lo sguardo rovesciato
Come la fotografia sta cambiando le nostre vite

Miliardi di foto postate e condivise sui social network, di macchine analogiche e digitali sempre più sofisticate ma anche sempre più superate da tablet e smartphone. Miliardi di immagini da cui nei prossimi anni saremo invasi, perché mai come oggi la fotografia accompagna ogni momento delle giornate di noi tutti: fotografi più o meno consapevoli, che, con il semplice gesto di estrarre dalla tasca il telefonino, abbiamo da qualche anno imparato a consegnare vite intere, ricordi e bellezza, a flussi di immagini archiviate (e spesso dimenticate) in una memoria esterna artificiale.
Immagini che crediamo eterne ma che sono, in realtà, molto più effimere e facilmente destinate all’oblio delle vecchie diapositive conservate in soffitta. Scatti che possiamo sì moltiplicare all’infinito ma che si riescono a visualizzare al meglio solo nelle ridottissime dimensioni della cornice di uno smartphone, dove i filtri di Instagram donano una patina di bellezza (e un’illusione di creatività) anche al più comune tramonto. Selfie che dimostrano fino a che punto la nuova fotografia dell’era digitale – l’iperfotografia – stia diventando sempre più specchio, e non finestra sul mondo. Perdendo per sempre la sua magia.
Ma che ne sarà della verità e della potenza della fotografia? Che ne sarà della sua particolarissima magia, che rivela e spiega, che denuncia e mette a nudo? Se lo chiede Roberto Cotroneo in questo saggio sulla fotografia e la sua storia che è al contempo un personalissimo memoir, in grado di evocare sulla pagina la magia stessa delle immagini fotografiche, tra ricordi personali e suggestioni letterarie, tra incontri con grandi maestri come Ferdinando Scianna e analisi, ispirate alla lezione di Susan Sontag e Roland Barthes, degli scatti più controversi del giornalismo d’inchiesta e della fotografia di moda.
Fino a svelare, in una prospettiva sempre illuminante e inattesa, le radici del cambiamento tecnologico degli ultimi decenni: una rivoluzione da interpretare anche, e soprattutto, come un cambiamento sociale che ha trasformato e sta trasformando nel profondo il nostro sguardo sul mondo. Uno sguardo che, secondo Cotroneo, proprio come se la fotografia fosse prigioniera di un eterno selfie, è ormai uno sguardo rovesciato.

Roberto Cotroneo

ROBERTO COTRONEO, scrittore, critico letterario e fotografo, è stato per molti anni a capo delle pagine culturali dell’“Espresso”. Collabora con il “Corriere della Sera”. Ha curato l’edizione delle Opere di Giorgio Bassani per “I Meridiani” Mondadori e scritto molti romanzi e saggi sulla letteratura, sulla scrittura creativa, la musica e la fotografia. Per Utet ha pubblicato Il sogno di scrivere. Perché lo abbiamo tutti. Perché è giusto realizzarlo (2014) e Lo sguardo rovesciato. Come la fotografia sta cambiando le nostre vite (2015). Il suo ultimo libro è Genius loci. Nel teatro dell’arte (Contrasto, 2017) che riprende una sua mostra fotografica tenuta alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma.

Potrebbero piacerti anche

L'invenzione di Caravaggio

L'invenzione di Caravaggio

Roberto Cotroneo
Il sogno di scrivere

Il sogno di scrivere

Roberto Cotroneo

Prodotti correlati

Che cosa succede in Catalogna
Vie di fuga

Vie di fuga

Adriano Favole
Lsd

Lsd

Agnese Codignola
Il bene possibile

Il bene possibile

Gabriele Nissim
La cultura ci rende umani

La cultura ci rende umani

Edoardo Albinati, Stefano Allovio, Jean-Loup Amselle, John Eskenazi, Vittorio Lingiardi, Paola Mastrocola, Marta Mosca, Adriano Favole
Diana

Diana

Vittorio Sabadin