L'ultimo re di Napoli
L'esilio di Francesco II nell'Italia dei Savoia

«Mai principe sopportò le avversità della fortuna con la fermezza silenziosa e la dignità di Francesco II. Colui che era stato o era parso debole sul trono, travolto dal destino, dalla ineluttabile fatalità, colui che era stato schernito come un incosciente, mentre subiva una catastrofe creata da mille cause incoscienti, questo povero re, questo povero giovane che non era stato felice un anno, ha lasciato che tutti i dolori umani penetrassero in lui senza respingerli, senza lamentarsi.» Così Matilde Serao tratteggiò la figura disgraziata ed eroica di Francesco II di Borbone due giorni dopo la sua morte.

Sbeffeggiato come “Franceschiello” dalla stampa risorgimentale, ricordato dai più come l’imbelle sovrano di un Regno delle Due Sicilie destinato al tramonto, Francesco è in realtà solo un ragazzo quando, con la capitolazione di Gaeta, perde per sempre il trono su cui era salito da meno di due anni. Per i successivi trentatré vivrà in esilio. Ma è proprio in questo periodo, negli anni trascorsi tra Roma e la Baviera, tra Parigi a Vienna, che si delinea il carattere di un uomo complesso, capace di riscattare con compostezza, sobrietà e intelligenza, la sconfitta e la scomparsa di un mondo di cui fu l’ultimo sovrano.

Con la consueta vivacità narrativa e l’aiuto di documenti inediti o poco noti, Gigi Di Fiore ripercorre la seconda vita di Francesco II, riconsegnandoci una vicenda umana ricca di sorprese e ingiustamente dimenticata: nel racconto scopriamo un personaggio curioso e quasi romanzesco, aristocratico autentico e uomo sensibile segnato da grandi passioni e sofferenze. E nello stesso tempo sperimentiamo uno sguardo diverso, in controluce, sull’Italia di quegli anni e sui suoi protagonisti: Vittorio Emanuele II e Umberto I, Depretis e Crispi, gli anarchici, i diplomatici, i papi e gli imperatori. Tutti gli interpreti di un periodo cruciale per la storia del nostro paese, tra i quali trova finalmente il posto che gli spetta anche uno dei grandi vinti del Risorgimento, Francesco II di Borbone, L’ultimo re di Napoli.

Gigi Di Fiore

Gigi Di Fiore, storico, già redattore al “Giornale” di Montanelli, è inviato del “Mattino” di Napoli (Premio Saint Vincent per il giornalismo nel 2001; Premio Pedio per la ricerca storica; Premio Melfi per la saggistica; Premio Guido Dorso per gli studi sul Mezzogiorno; Premio Marcello Torre per l’impegno civile). Nelle sue pubblicazioni si occupa prevalentemente di criminalità organizzata e di Risorgimento in relazione ai problemi del Mezzogiorno. Tra le sue ultime opere: I vinti del Risorgimento. Storia e storie di chi combatté per i Borbone di Napoli (2004, 2014), La Camorra e le sue storie. La criminalità organizzata a Napoli dalle origini alle paranze dei bimbi (2005, 2016), Controstoria dell’unità d’Italia. Fatti e misfatti del Risorgimento (2007, 2010), Gli ultimi giorni di Gaeta. L’assedio che condannò l’Italia all’unità (2010, 2015), La Nazione napoletana. Controstorie borboniche e identità suddista (2015), Briganti! Controstoria della guerra contadina nel Sud dei Gattopardi (2017) e L’ultimo re di Napoli. L’esilio di Francesco II nell’Italia dei Savoia (2018).

Potrebbero piacerti anche

Briganti!

Briganti!

Gigi Di Fiore
La Camorra e le sue storie
La Nazione napoletana

La Nazione napoletana

Gigi Di Fiore

Eventi

venerdì, 23 novembre 2018

Gigi Di Fiore presenta L'Ultimo Re di Napoli

  • Sala Convegni consorzio mozzarella Dop
  • via Gasparri, Caserta (CE)
  • Venerdì, 23 novembre 2018 a partire dalle ore 17:30
venerdì, 30 novembre 2018

Gigi DI Fiore presenta L'ultimo Re di Napoli

  • Libreria Feltrinelli
  • Salerno (SA)
  • Venerdì, 30 novembre 2018 a partire dalle ore 18:00

Prodotti correlati

Ippopotami e sirene

Ippopotami e sirene

Eva Cantarella
Il dossier Hitler
Il romanzo di Benito

Il romanzo di Benito

Pasquale Chessa
Jack lo Squartatore
Falso Natale

Falso Natale

Errico Buonanno
Storia dell'Europa in 24 pinte

Storia dell'Europa in 24 pinte

Mika Rissanen, Juha Tahvanainen