Metamorfosi d'amore

L’amore è mutamento, movimento, metamorfosi: ben lo sapeva Ovidio, che si definiva «cantore di teneri amori». Che metta in scena nelle sue Metamorfosi Eco e Narciso, Arianna e Teseo, Orfeo ed Euridice o Dafne e Apollo, il motore della trasformazione è sempre amore, ovvero il desiderio di colmare una distanza. «Un continuo incalzare di desideri», come ha scritto Italo Calvino: il poeta compone infatti con una grazia e con una leggerezza rimaste ineguagliate forse almeno fino a Shakespeare un’opera da rubricare fra i capolavori dell’umanità: acuta, intelligente e leggera, in senso calviniano, è un invito da rivolgere a tutti gli amanti.

Potrebbero piacerti anche

L'ars amatoria

L'ars amatoria

Publio Ovidio Nasone
L'arte di amare

L'arte di amare

Publio Ovidio Nasone
I rimedi dell'amore

I rimedi dell'amore

Publio Ovidio Nasone

Prodotti correlati

La partita perfetta

La partita perfetta

Corrado Del Bò, Filippo Santoni de Sio
Antinomia ben temperata

Antinomia ben temperata

Andrea Carandini
Storia della Filosofia 1

Storia della Filosofia 1

Nicola Abbagnano
Storia della Filosofia 2

Storia della Filosofia 2

Nicola Abbagnano
Storia della Filosofia 3

Storia della Filosofia 3

Nicola Abbagnano
Scritti politici

Scritti politici

Georges Sorel