Patti scellerati

Un patto scellerato: è quello che Mafia, ‘Ndrangheta, Camorra e altri gruppi di criminalità organizzata in Europa stringono da duecento anni con le élites politiche ed economiche che detengono il potere, in Italia e nel mondo intero.
È un legame perverso e profondo. Un’alleanza che cammina lungo i secoli, valica frontiere e, come un camaleonte, sa adattarsi con spiazzante spregiudicatezza a ogni cambiamento. Con scrittura efficace, asciutta, veloce, Jacques de Saint Victor porta alla luce le radici della mafia e delle altre forme di criminalità organizzata, nelle loro manifestazioni più nascoste e in quelle sensazionali: dagli oscuri recessi della società agraria e feudale del Meridione borbonico all’influenza esercitata all’ombra dello stato monarchico dopo l’unificazione nazionale, dalla convivenza con il regime fascista all’inconfessabile alleanza con i Servizi Segreti alleati che prepararono la strada allo sbarco in Sicilia. Per arrivare infine allo scenario degli ultimi decenni, quando il ventaglio degli affari della grande criminalità si amplia a dismisura, con il sacco edilizio delle città italiane, il business della droga condiviso con i narcos latino-americani, il traffico di esseri umani e di armi spartito con la delinquenza dell’Est, la gestione clandestina dei rifiuti.
È l’emergere, nel cuore della società post-industriale in cui viviamo, di una “borghesia mafiosa” innervata in tutta Europa, che attraverso nuovi attori – arruolati tra le fila degli insospettabili colletti bianchi – è riuscita a insinuarsi nei gangli del potere finanziario ed economico del mondo globalizzato.

Potrebbero piacerti anche

Cosa resta dell’estate

Cosa resta dell’estate

Veronica Roth, Stephanie Perkins, Cassandra Clare
Il mistero del Barolo

Il mistero del Barolo

Giovanni Negri

Prodotti correlati