Stringimi piano
La bellezza e la felicità sono fragili come il cristallo

La bellezza e la felicità sono fragili come il cristallo. Anche Arianna lo è: indebolite da una rara malattia, le sue ossa rischiano di rompersi al più piccolo urto. Per lei ogni cosa rappresenta una potenziale minaccia. Un colpo di tosse troppo forte, il piatto scivoloso della doccia, la stretta di un abbraccio. Durante l’ultimo anno di liceo, un incidente d’auto la costringe a un lento recupero presso una clinica privata. È qui che incontra Leon, giocatore di basket reduce da un trauma al ginocchio, con una storia difficile alle spalle e il sogno di diventare campione all’orizzonte. Diversi nel fisico e nel carattere, ma decisi a vincere insieme la monotonia del ricovero, scopriranno un legame che sa di amicizia. Forse di amore. E quando, tra le pagine di un libro, Arianna trova un vecchio quaderno della madre, un passato ignoto e tumultuoso si spalanca sotto i suoi occhi, insegnandole che paure e debolezze appartengono a tutti. Tanto quanto il coraggio di superarle. Con una scrittura di rara essenzialità e nitidezza, Irene Faranda racconta una storia che dice molto sulla vulnerabilità fisica e su quella dei sentimenti, e sembra indicarci che la vera forza è imparare a trattare con delicatezza la fragilità altrui.

Irene Faranda

Irene Faranda è nata nel 1979 a Bologna, dove vive e lavora. Questo è il suo primo romanzo.

Prodotti correlati

L'intruso

L'intruso

Luigi Bernardi
Città sospesa

Città sospesa

Eduardo Mendoza
Le cose che portiamo

Le cose che portiamo

Tim O‘Brien
La colpa

La colpa

Ghirghis Ramal
Storia dei miei lupi

Storia dei miei lupi

Emily Fridlund
L'oceano quando non ci sei