Viaggio nella terra dei morti
La vita dei soldati nelle trincee della Grande Guerra

La Grande Guerra ebbe ben poco a che fare con la guerra così come era stata combattuta fin dalle origini dell’uomo. Non ci furono battaglie nel senso classico del termine, ma ugualmente morirono milioni di uomini e un numero molto superiore venne ferito nel corpo e nella mente. Nel bel mezzo della ricca e civile Europa, su una linea ininterrotta di trincee, si scontrarono i più grandi eserciti mai riuniti fino allora dall’uomo. Dopo un anno di neutralità anche gli italiani, trascinati da un manipolo di interventisti, entrarono in guerra.
A questo punto la ricostruzione storica giunge a un bivio: la retorica delle nostre élite politiche, dei poeti e dei generali lontani dai campi di battaglia celebrò l’entusiastico sacrificio di eroi che combattevano, cadevano e vincevano per un sublime ideale, “strappando le ali alla Vittoria”. Intanto i veri protagonisti della guerra, i soldati al fronte, conducevano una ben misera esistenza, costretti in lunghe fosse sotto il livello del suolo, scavate spesso dagli stessi che erano destinati a rimanervi sotterrati. La memoria nazionale usa le parole dei primi su monumenti ai caduti e ossari per celebrare l’ideale di una nazione vittoriosa. Lo storico Marco Scardigli invece ha scelto di accompagnare il lettore dentro le trincee, a fianco degli sfortunati che quella guerra la combatterono davvero.
Un viaggio che inizia con le speranze, le faticose marce e i disastrosi combattimenti dei primi giorni di guerra; attraversa i momenti d’inattività, i tormentati riposi e la corrispondenza disperata e nostalgica con i cari rimasti a casa. E arriva infine alla vita al fronte, universo sconvolto e sconvolgente di assalti, malattie, bombardamenti, ospedali da campo, tribunali spietati, comandanti crudeli ed eroismi quotidiani.
Attingendo a un’enorme mole di materiali inediti o dimenticati, come memorie, gazzette e diari dal fronte, ma lasciando anche la parola a grandi scrittori come Carlo Emilio Gadda e Curzio Malaparte, Scardigli compone con pazienza un mosaico di testimonianze e offre uno spaccato straordinario della vita quotidiana dei soldati della Grande Guerra.

Marco Scardigli

(Novara, 1959) Storico e scrittore, ha insegnato all’Università di Pavia e ha pubblicato numerose opere di narrativa e saggistica storica.
Tra i suoi libri, Lo scrittoio del generale. La romanzesca epopea risorgimentale del generale Govone (Utet, 2006), La lancia, il gladio, il cavallo. Uomini, armi e idee nelle battaglie dell’Italia antica (Mondadori, 2010), Le grandi battaglie del Risorgimento (BUR, 2011), Le battaglie dei cavalieri. L’arte della guerra nell’Italia medievale (Mondadori, 2012) e Cavalieri, mercenari e cannoni. L’arte della guerra nell’Italia del Rinascimento (Mondadori, 2014), Viaggio nella terra dei morti. La vita dei soldati nelle trincee della Grande Guerra (Utet 2014) e, con Andrea Santangelo, Le armi del diavolo. Anatomia di una battaglia (Utet 2015).

Potrebbero piacerti anche

Il viaggiatore di battaglie

Il viaggiatore di battaglie

Marco Scardigli

Prodotti correlati

Ippopotami e sirene

Ippopotami e sirene

Eva Cantarella
Il dossier Hitler
Il romanzo di Benito

Il romanzo di Benito

Pasquale Chessa
Jack lo Squartatore
Falso Natale

Falso Natale

Errico Buonanno
Storia dell'Europa in 24 pinte

Storia dell'Europa in 24 pinte

Mika Rissanen, Juha Tahvanainen