I miei ricordi

I miei ricordi

“I più pericolosi nemici d’Italia non sono i Tedeschi, sono gl’Italiani. E perché? Per la ragione che gl’Italiani hanno voluto far un’Italia nuova, e loro rimanere gl’Italiani vecchi di prima, colle dappocaggini e le miserie morali che furono ab antico la loro rovina; perché pensano a riformare l’Italia, e nessuno s’accorge che per riuscirci bisogna, prima, che si riformino loro.”

Prodotti correlati

Epistole ad Attico I

Epistole ad Attico I

Marco Tullio Cicerone
Rime e Lettere

Rime e Lettere

Michelangelo Buonarroti
Le Etiopiche

Le Etiopiche

Eliodoro
La filosofia dello spirito

La filosofia dello spirito

Georg Wilhelm Friedrich Hegel
Epistole ad Attico II

Epistole ad Attico II

Marco Tullio Cicerone