Il convivio

Scritto nei primi anni dell’esilio, fra il 1304 e il 1307, Il Convivio segna il passaggio dalla fase “stilnovista” di Dante Alighieri a quella di un maggior impegno teorico e filosofico, che culminerà poi nella stesura della Commedia. Componimento misto di prosa e poesia, rimasto incompiuto, il trattato era destinato alla divulgazione della conoscenza “alta”: per questo era scritto in volgare anziché in latino. Un “convivio” da destinare a chiunque volesse sedersi alla mensa del sapere, di cui Dante si faceva intermediario. L’edizione critica proposta da Utet, corredata da un puntale compendio di note e collegamenti ipertestuali a cura di Enrico Fenzi, restituisce tutto l’amore per la conoscenza del poeta, e il fascino immortale dei suoi versi.

Prodotti correlati

La rivoluzione democratica in Francia

La rivoluzione democratica in Francia

Nicola Matteucci, Alexis de Tocqueville
Antichità giudaiche

Antichità giudaiche

Giuseppe Flavio
Il capitale

Il capitale

Karl Marx
Scritti politici

Scritti politici

Georges Sorel