Indisponibilità e disponibilità della vita: una difesa filosofico giuridica del suicidio assistito e dell'eutanasia volontaria

“Indisponibilità della vita” e “disponibilità della vita” sono formule di centrale importanza, che sintetizzano due diverse maniere complessive di accostarsi ai temi della bioetica e del diritto. Tuttavia, nonostante il suo carattere “strategico”, in letteratura questo binomio non è stato specificamente ed organicamente tematizzato. Da ciò lo sforzo, da parte di questo libro, di metterne a fuoco la fisionomia storico-teorica, mostrandone le concretizzazioni giuridiche e penalistiche, soprattutto in relazione ai controversi problemi della morte medicalmente assistita.

Si tratta quindi di una ricerca giuridica e filosofico giuridica  che persegue gli ideali del rigore e della chiarezza e che, per queste  caratteristiche, si rivolge, oltre che agli specialisti, a un più largo pubblico.

Insieme a una parte espositiva e descrittiva, il volume contiene una parte critica  in cui l’autore, oltre a registrare il dibattito in corso (e gli antecedenti storici di esso) prende apertamente posizione in merito alle cruciali questioni del diritto di morire, del suicidio assistito e dell’eutanasia volontaria. Questioni che anche in Italia, con il caso Cappato e l’intervento della Corte costituzionale, sono attualmente al centro di un acceso dibattito, che interpella nello stesso tempo, l’etica, la filosofia il diritto e la politica.

Prodotti correlati

Abbagnano. Una vita per la filosofia

Abbagnano. Una vita per la filosofia

Rosanna Panelli Marvulli
Io sono dinamite

Io sono dinamite

Sue Prideaux
La notte del mondo

La notte del mondo

Diego Fusaro
Identità

Identità

Francis Fukuyama
Come si diventa leghisti

Come si diventa leghisti

David Allegranti