Leoluca Orlando racconta la mafia

D: Si è parlato molto, e spesso si torna a discutere, di Totò Riina. Che idea ti sei fatta di quest’uomo dall’apparenza insignificante, che comunque fa ormai parte della storia d’Italia? E com’è diventato il capo di Cosa Nostra?

R: Totò Riina è un mafioso sanguinario. È un crudele e spietato omicida. E nel momento in cui Totò Riina divenne il capo della mafia si affermò la nuova strategia dei corleonesi. Una strategia fondata, senza tante remore, sul sangue e sulle stragi. La mafia corleonese è, a tutti gli effetti, una mafia alternativa a quella siculo-americana. La mafia di oltre oceano ha come obiettivo la trasformazione del denaro sporco in denaro pulito, si prefigge di trasformare le imprese economiche fondate e generatesi dal malaffare in aziende rispettabili e inserite in un contesto legale.

 

 

Prodotti correlati

Come si diventa leghisti

Come si diventa leghisti

David Allegranti
Casamonica

Casamonica

Nello Trocchia
Jihadisti italiani

Jihadisti italiani

Fabio Tonacci, Giuliano Foschini
Vie di fuga

Vie di fuga

Adriano Favole