Leoluca Orlando racconta la mafia

D: Si è parlato molto, e spesso si torna a discutere, di Totò Riina. Che idea ti sei fatta di quest’uomo dall’apparenza insignificante, che comunque fa ormai parte della storia d’Italia? E com’è diventato il capo di Cosa Nostra?

R: Totò Riina è un mafioso sanguinario. È un crudele e spietato omicida. E nel momento in cui Totò Riina divenne il capo della mafia si affermò la nuova strategia dei corleonesi. Una strategia fondata, senza tante remore, sul sangue e sulle stragi. La mafia corleonese è, a tutti gli effetti, una mafia alternativa a quella siculo-americana. La mafia di oltre oceano ha come obiettivo la trasformazione del denaro sporco in denaro pulito, si prefigge di trasformare le imprese economiche fondate e generatesi dal malaffare in aziende rispettabili e inserite in un contesto legale.

 

 

Leoluca Orlando

Leoluca Orlando, sindaco di Palermo dal 1985 al 1990 e dal 1993 al 2000, è stato deputato al Parlamento europeo e dal 2006 membro della Camera dei Deputati. Autore di numerose pubblicazioni, tra le sue opere ricordiamo Palermo (1990), Fede e politica (1992) e Der Sizilianische Karren (2004)

Pippo Battaglia

Pippo Battaglia è fondatore e presidente del Comitato scientifico della Targa ““Giuseppe Piazzi””. Collabora con “”Tutto Scienze””, “”Nuovo Orione” e “”L’’astronomia””. Ha pubblicato, tra gli altri, L’Intelligenza artificiale (2006), con Margherita Hack e Walter Ferreri Origine e fine dell’’universo (2002) e con Margherita Hack e Rosolino Buccheri L’’idea del tempo (2005).

Prodotti correlati

Streghe

Streghe

Mona Chollet
La notte del mondo

La notte del mondo

Diego Fusaro
Schadenfreude

Schadenfreude

Tiffany Watt Smith
Rompere le regole

Rompere le regole

Marco Belpoliti, Giovanni De Luna, Nicola Gardini, Nadia Fusini, Fabrizio Gifuni, Francesca Rigotti
Jihadisti italiani

Jihadisti italiani

Fabio Tonacci, Giuliano Foschini