Omosessualità e cinema italiano

Omosessualità e cinema italiano
Dalla caduta del fascismo agli anni di piombo

A partire da una vasta ricerca d’archivio e dall’esame di oltre 600 film, il volume ricostruisce per la prima volta i rapporti tra omosessualità e cinema italiano tra gli anni Quaranta e gli anni Settanta, nella convinzione che abbiano svolto un ruolo di primo piano nel quadro della battaglia cruciale che si è giocata intorno alla sessualità coinvolgendo società, politica e gran parte dell’industria culturale nazionale. Le rappresentazioni d’autore e quelle popolari, le negoziazioni tra intenzioni e saperi differenti di cui esse sono il risultato, la gestione delle posizioni nell’industria, i rapporti con censura e magistratura, il divismo, la critica e le prassi del pubblico (anche omosessuale) sono messi in relazione al mutare dei contesti intrecciando i materiali più diversi, dai rotocalchi alla letteratura, dalle interrogazioni parlamentari ai documenti riservati della burocrazia statale, dai quotidiani di partito ai fumetti pornografici, dalle sentenze di tribunale ai fogli dei primi movimenti omosessuali.

Quella che emerge è una storia culturale insospettabilmente ricca in cui timori e avversioni si accompagnano costantemente a piaceri e complicità inconfessabili.

Novità

Il sogno di scrivere

Il sogno di scrivere

Roberto Cotroneo
Fare una mostra

Fare una mostra

Hans Ulrich Obrist
Il coraggio delle cicatrici

Il coraggio delle cicatrici

Maria Luisa Iavarone, Nello Trocchia
A un passo da Provenzano

A un passo da Provenzano

Giampiero Calapà
La malattia del mondo

La malattia del mondo

Francesco Borgonovo
Svuota il carrello

Svuota il carrello

Gianluca Diegoli