Vite di santi musulmani

Vite di santi musulmani

Nel mondo islamico la nozione di “santità” è molto diversa da quella della tradizione cristiana. Santo nell’Islam è colui che, senza nessun intervento da parte dell’autorità di una Chiesa, viene riconosciuto e venerato dai suoi confratelli e dai fedeli che ne ammirano le virtù morali, la carità, i detti memorabili. Santo è il “wali”, che nel Corano significa “amico”, “protetto” di Dio, uomo libero dal timore e dalla tristezza del peccato. “Santi” in questo senso preciso sono tutti i personaggi le cui vite pittoresche, esemplari, straordinarie sono state raccolte nel XVI secolo dal biografo egiziano Shaʿrāni e vengono ora riproposte in questo libro.
Il biografo Shaʿrāni non era solo un uomo colto e devoto, egli stesso un “wali” ancora venerato al Cairo secoli dopo la sua morte: Shaʿrāni era un vero maestro nell’arte di raccontare una vita, non limitandosi ad ammassare notizie e testimonianze, bensì muovendosi con attenzione, e grande talento narrativo, tra i poli apparentemente opposti dell’ortodossia e dell’originalità umana – della bizzarria, in certi casi – degli eroi di cui riferiva le virtù e i pensieri. Come quel compagno del Profeta che, pregando, si prosternava talmente a lungo «che i passerotti si posavano sulla sua schiena, prendendolo per un muro», tanto da guadagnarsi il soprannome di “Colomba della Moschea”. O come Umm Harun, la mistica che non si unse per vent’anni i capelli, eppure li aveva «più belli delle altre donne». Questa donna che campava solo di pane e passava tutte le notti in preghiera, incontrando un leone nel deserto, lo invitò a mangiarla, se poteva servirgli da alimento. Ma anche le bestie feroci sentono l’odore della santità, e il leone fece marcia indietro.

Prodotti correlati

Epistole ad Attico I

Epistole ad Attico I

Marco Tullio Cicerone
Rime e Lettere

Rime e Lettere

Michelangelo Buonarroti
Le Etiopiche

Le Etiopiche

Eliodoro
La filosofia dello spirito

La filosofia dello spirito

Georg Wilhelm Friedrich Hegel
Epistole ad Attico II

Epistole ad Attico II

Marco Tullio Cicerone