Apocrifi dell'Antico Testamento
2 volumi

  • Editore UTET
  • Genere Saggistica
  • Pagine 1668
  • Data di uscita 16.05.2013

Secondo una tradizione antichissima, il male ebbe origine quando tra gli uomini nacquero “ragazze belle di aspetto”, e “gli angeli, figli del cielo, le videro e se ne innamorarono”. Da quel momento, con la discesa degli angeli e la loro unione con gli esseri umani, il peccato si diffuse su tutta la Terra. Questo mito delle origini, non incluso nel canone della Bibbia, è raccontato in uno dei testi attribuiti al patriarca Enoc in cui si intrecciano profonde riflessioni sul male e sul rapporto dell’uomo con Dio, scandagliate dagli ebrei fin dal tempo del travagliato esilio babilonese. Non è un caso isolato. È da versioni parallele di tal fatta che fiorirono rami secondari e dimenticati della tradizione biblica, specchio della varietà d’idee che serpeggiava nella Palestina del giudaismo precristiano: visioni teologiche alternative, spesso apertamente confliggenti con le posizioni ufficiali, che approdano fino al II secolo d.C., ponendo le basi delle comunità protocristiane.
Composizioni come le “apocalissi”, i testamenti di patriarchi e le raccolte di proverbi e salmi si mescolano, sotto strati di secoli, a immaginifici miti e compilazioni cosmogoniche, fino a perdersi nel tempo e scomparire sotto i colpi dell’ortodossia. Fu così che gli Apocrifi dell’Antico Testamento – qui raccolti in un nucleo di testi significativi, mai tradotti prima in italiano – furono trascurati per millenni e rivalutati nella loro importanza cruciale solo dopo i rinvenimenti di Qumran. A curarne la ricca e preziosa edizione Utet, in due volumi, è Paolo Sacchi, illustre biblista, considerato il padre dei nuovi studi giudaici italiani.

Potrebbero piacerti anche

Prodotti correlati

Antichità giudaiche

Antichità giudaiche

Giuseppe Flavio
Il capitale

Il capitale

Karl Marx
La ricchezza delle nazioni
Scritti politici

Scritti politici

Georges Sorel
Scritti sulla tolleranza
De rerum natura

De rerum natura

Lucrezio