Desiderio e riconoscimento

Nel 1817 Friedrich Hegel scrive nella Filosofia dello spirito: «l’autocoscienza è, innanzitutto, desiderio». Quest’opera, qui proposta al lettore attraverso alcuni estratti, descrive infatti come dal desiderio, eminentemente intersoggettivo, scatti il riconoscimento che porta all’autocoscienza di sé. Che sia soltanto bisogno o vero e proprio anelito umano e umanizzante, è proprio a partire da qui che è possibile strutturare un’idea dell’emancipazione personale realistica e veritiera: dal desiderio di riconoscimento che ci caratterizza tutti.

Potrebbero piacerti anche

La filosofia dello spirito

La filosofia dello spirito

Georg Wilhelm Friedrich Hegel

Prodotti correlati

La partita perfetta

La partita perfetta

Corrado Del Bò, Filippo Santoni de Sio
Antinomia ben temperata

Antinomia ben temperata

Andrea Carandini
Storia della Filosofia 1

Storia della Filosofia 1

Nicola Abbagnano
Storia della Filosofia 2

Storia della Filosofia 2

Nicola Abbagnano
Storia della Filosofia 3

Storia della Filosofia 3

Nicola Abbagnano
Scritti politici

Scritti politici

Georges Sorel