Il carattere del ciclista

Il “Cannibale” Eddie Merckx, il più forte di tutti, e il “Pirata” Marco Pantani, un magnifico testardo che ci ha lasciato troppo presto. Beppe Saronni e la perfetta strategia della fucilata di Goodwood, Claudio Chiappucci e l’impresa tutta istinto del Sestrière. L’indisciplinato Peter Sagan e Laurent Fignon, il “Professore”. E poi l’irrequietezza dell’enigmatico Gianni Bugno, l’impetuosa forza tranquilla di Miguel Indurain, il fascino di Fabian Cancellara e la spavalderia di Lance Armstrong, al centro dello scandalo più grande della storia del ciclismo. Il pistard dal passato difficile Bradley Wiggins, icona pop che sembra uscita dagli anni settanta, e l’ipertecnologico record dell’ora di Francesco Moser, uomo che al futuro si è sempre affidato. Un campione nato nel periodo sbagliato come Felice Gimondi e un campione, Bernard Hinault, che nel proprio tempo ha dettato legge.
Che cosa hanno in comune questi assi delle due ruote? Ce lo svela Giacomo Pellizzari: ognuno, a suo modo, ha saputo rappresentare più di chiunque altro un aspetto peculiare dell’essere ciclista, ognuno ha incarnato, appunto, un carattere e lo ha portato ai suoi massimi livelli, accettandone tutte le conseguenze.
Nelle vittorie straordinarie quanto nelle sconfitte più brucianti; sulle terribili salite alpine e pirenaiche dei grandi giri come nei rettilinei finali della Milano-Sanremo o del Mondiale. Nel fango e nella polvere degli infernali settori della Parigi-Roubaix, nel vento delle côte della Liegi-Bastogne-Liegi; sull’asfalto appiccicoso per il caldo o sulle strade scivolose per la pioggia. E anche nelle cadute, quelle evitate per un soffio e quelle rovinose, che lasciano il segno nel corpo e nella mente. Emozioni autentiche che ne hanno forgiato il carattere, permettendo loro di distinguersi fra centinaia di grandi atleti. Emozioni che hanno saputo trasmettere a tutti noi che li abbiamo seguiti, ammirati e amati. Perché in fondo, ricorda Pellizzari, anche noi siamo stati come loro, almeno una volta.

Giacomo Pellizzari

Giacomo Pellizzari è scrittore, giornalista sportivo e consulente di comunicazione. È stato direttore editoriale di Bike Channel, canale di Sky dedicato al mondo a due ruote. Scrive per la rivista “Cyclist” e collabora con numerose testate, tra cui l’americana “Peloton Magazine”. È socio di Upcycle, il primo bike café restaurant d’Italia e ideatore del format “Ciclismi Possibili”. Il suo blog, “Confessioni di un ciclista pericoloso” (www.ciclistapericoloso.com), è tra i più letti dai cicloamatori. Nel 2014 è uscito il suo primo libro, Ma chi te lo fa fare? Sogni e avventure di un ciclista sempre in salita (Fabbri Editori). Con Utet ha pubblicato Il carattere del ciclista (2016), tradotto in Olanda e Germania, e Storia e geografia del Giro d’Italia (2017). Sua la voce “Giro d’Italia” nell’edizione 2017 del Libro dell’anno Treccani.

Articoli correlati

L'irriducibile: Vincenzo Nibali

Redazione | 9.6.2016
Giacomo Pellizzari, autore di Il carattere del ciclista, ha aggiunto il ritratto di Vincenzo Nibali, l’irriducibile,...

In bicicletta nella leggenda: storie di ciclisti rock 'n' roll

Redazione | 20.4.2016
Giacomo Pellizzari torna in libreria con Il carattere del ciclista, UTET, una galleria di ritratti di quattordici ciclisti...

Potrebbero piacerti anche

Gli italiani al Tour de France

Gli italiani al Tour de France

Giacomo Pellizzari
Storia e geografia del Giro d'Italia

Eventi

martedì, 25 settembre 2018

Giacomo Pellizzari presenta Il carattere del ciclista

  • CInemino
  • via Seneca 6, Milano (MI)
  • Martedì, 25 settembre 2018 a partire dalle ore 20:30

Prodotti correlati

L'ultimo re di Napoli

L'ultimo re di Napoli

Gigi Di Fiore
Le 98 ragioni per cui vado in bicicletta
La ragazza che scrisse Frankenstein
L'uomo della provvidenza

L'uomo della provvidenza

Arrigo Petacco
Running Wild

Running Wild

Markus Torgeby
Il grande Gualino

Il grande Gualino

Giorgio Caponetti