Le ragazze con il pallino per la matematica

Ilaria, scienziata internazionale, era una “capra” in matematica. Sandra, avvocata e manager sognava di fare la veterinaria. E ancora, Marina ingegnera, Elena startupper, Debora giornalista, Paola ricercatrice. Cento donne che si sono confrontate con “il pallino per la matematica”, tutte sfatano i pregiudizi che vorrebbero le materie scientifiche solo per talenti naturali, solo per uomini, necessariamente seria e formale, lontana dalla realtà. Una raccolta di cento interviste, che seguono una traccia semplice che valorizzi le personalità, le passioni e le esperienze individuali di studio e di professione. Ci sono donne nate con un talento evidente e ci sono donne che hanno scoperto e sviluppato l’importanza delle competenze logico-matematiche solo nel tempo. Le narrazioni di crescita personale prima che professionale suggeriscono alle ragazze più giovani percorsi di orientamento per la scuola e per il lavoro e possono far prendere consapevolezza delle proprie potenzialità, sfatando il mito che bisogna nascere palesemente talentuosi per avere una vita di successo. E questo vale per le ragazze. Ma anche per i ragazzi.

Con un’introduzione di Nicola Palmarini, autore per Egea di Le infiltrate. Ragazze e Tecnologia, stereotipi e opportunità.

Chiara Burberi

Nata, cresciuta e “maleducata” a Milano dal 1967.

Ognuno conosce una Chiara diversa: prima docente in Bocconi, poi consulente in McKinsey e manager in Unicredit, adesso AD di redooc.com, la “Palestra della matematica più grande d’Italia”, una piattaforma di didattica digitale dedicata alle materie STEM (Science, Tech, Engineering e Mathematics) o meglio STEAM (STEM con Arte), che ripensa il modo di insegnare e di apprendere.

Redooc.com  http://redooc.com/

Luisa Pronzato

Credevo che, noi ragazze (e soprattutto le nuove generazioni), ce l’avessimo fatta: diverse certo dagli uomini, ma diverse come qualsiasi individuo. E invece ho l’impressione che stia tornando a essere “sesso debole”. Giornalista del Corriere della Sera, coordino dalla fondazione (2011) La27ora, sito, blog, radio, laboratorio di idee e di sperimentazioni multimediali nato da un gruppo di giornaliste del Corriere e diventato subito  luogo di scambi e dialoghi tra voci femminili e maschili  

Alla mia età, molte fanno il lifting. Io mi sono gettata nell’online. Intrigata, soprattutto da idee e creatività che ruotano intorno all’impalpabile byte. Urticata dalla Rete, resto una deficiente digitale, senza sensi di colpa per il gap con i trentenni ma propensa a indagare filosofie e aperture dello zero punto due. Pasionaria, non rinuncio agli entusiasmi. E racconto.

Articoli correlati

Perché leggere Ada la scienziata è importante

Redazione | 9.3.2017
Ci sono donne scienziate sin da quando esiste la scienza. Hanno posto domande e cercato risposte sui segreti dell’universo....

Prodotti correlati

Riconoscere gli alberi

Riconoscere gli alberi

Roger Phillips
Iro Iro

Iro Iro

Giorgio Amitrano
Tutto Letteratura italiana

Tutto Letteratura italiana

Redazione De Agostini
Pokémon Go mania

Pokémon Go mania

Gabriele Niola
I discorsi che hanno cambiato il mondo moderno