Eneide

Definito da Dante nel canto IV dell’Inferno «maestro di color che sanno», Publio Virgilio Marone (70-19 a.C.) è ancora oggi considerato uno dei più grandi poeti dell’antichità classica e tra i maggiori di ogni tempo grazie alla composizione dell’Eneide, poema epico di dodici libri in esametri, che certamente rappresenta la sua opera più nota e riuscita. In essa, la cui composizione occupa l’ultimo decennio della vita del poeta (29-19 a.C.), Virgilio, mentre racconta le peripezie di Enea, scampato alle fiamme di Troia e destinato a diventare progenitore del popolo romano, riesce a saldare mitologicamente, narrativamente e stilisticamente la tradizione latina e quella greca, il mondo della classicità di Omero e il presente glorioso dell’età augustea, con i suoi princìpi e i suoi valori fondanti di pietas, clementia e humanitas. Oggi UTET ripropone in questa edizione digitale i dodici libri giunti fino a noi dell’opera con testo latino, traduzione italiana e ricco apparato critico di commento.

Prodotti correlati

Epistole ad Attico I

Epistole ad Attico I

Marco Tullio Cicerone
Rime e Lettere

Rime e Lettere

Michelangelo Buonarroti
Le Etiopiche

Le Etiopiche

Eliodoro
La filosofia dello spirito

La filosofia dello spirito

Georg Wilhelm Friedrich Hegel
Epistole ad Attico II

Epistole ad Attico II

Marco Tullio Cicerone