Il candidato vincente

Il candidato vincente
Le campagne elettorali che hanno cambiato il mondo

Come ha fatto Donald Trump a vincere, conto ogni pronostico, le elezioni del 2016? E cosa ha permesso a Joe Biden di ribaltare le carte in tavola solo quattro anni dopo? Qual è stato l’elemento innovativo che Silvio Berlusconi ha introdotto in politica con la sua “discesa in campo” del 1994? Come è cambiato il Labour Party con l’ascesa di Tony Blair? Cosa ha portato Angela Merkel a riconfermarsi a capo del governo tedesco? Quali differenti messaggi ha veicolato Barack Obama nelle campagne del 2008 e del 2012? E, andando più indietro, su quali messaggi vertevano le prime campagne elettorali della Democrazia Cristiana?
La squadra di YouTrend, coadiuvata da Giovanni Diamanti, analizza le grandi campagne elettorali della storia per rilevare non solo i cambiamenti della comunicazione politica, ma anche il mutare delle passioni e degli umori dell’elettorato. Un’indagine condotta ricostruendo il clima politico del periodo, il profilo dei candidati, il background degli spin doctor a cui si affidavano i futuri leader, le strategie messe in campo – messaggi ben definiti, cartellonistica innovativa, campagne mirate – per trionfare sull’avversario. Un lavoro approfondito che ci restituisce momenti epocali dell’agone politico – la nascita del New Deal, cavallo di battaglia di Franklin D. Roosevelt contro Herbert Hoover, il primo scontro televisivo fra John Fitzegerald Kennedy e Richard Nixon, la spregiudicatezza di Margaret Thatcher – e ci porta a comprendere la continua evoluzione della comunicazione elettorale, dal primo Novecento fino ai giorni nostri.
Perché una cosa è certa: le buone idee, in qualsiasi epoca, hanno sempre bisogno di una buona comunicazione che le faccia arrivare a tutti.

Novità

Un amore ad Auschwitz

Un amore ad Auschwitz

Francesca Paci
Churchill

Churchill

Andrew Roberts
Libri, istruzioni per l'uso

Libri, istruzioni per l'uso

Alessandro Mari, Ginevra Azzari, Matilde Piran
Il viaggio di Veronica

Il viaggio di Veronica

Ferdinando Scianna