Figure piscianti
1280-2014

Figure piscianti 1280-2014 è un saggio impertinente e erudito, tanto rigoroso quanto spudorato, venato di arguzie e di humour sottile. L’argomento è all’apparenza bizzarro, forse tabù; di certo ignorato dagli storici d’arte,accantonato come ridicolo o disgustoso.

Secondo Jean-Claude Lebensztejn, invece, «nulla è da prendere più sul serio del riso e del disgusto». Per questo ha intrapreso un’originale mappatura, mai tentata prima, delle figure piscianti nella storia dell’arte, a partire dalla più popolare, l’immagine giocosa del puer mingens, il bambinetto intento a fare la pipì che ritroviamo scolpito sui sarcofaghi romani, disegnato sui margini dei codici medievali, nei putti del Rinascimento e nelle fontane barocche – che è finito perfino sull’etichetta di una birra belga e in un videogioco installato nei bagni pubblici di Tokyo.

Da lì, in un percorso illustrato con oltre 150 immagini, Lebensztejn ricostruisce la curiosa genealogia di un leitmotiv che sfida i limiti della rappresentazione, e ce ne svela le mutevoli implicazioni e i significati nascosti: dall’affresco nella basilica superiore di Assisi, dove un angelo dietro una colonna sembra accingersi a un atto così poco sacro – ma solo ai nostri occhi – proprio sopra la Crocifissione di Cimabue, fino alla trasgressione poetica dei Piss Paintings di Andy Warhol e alle performance più estreme della body art, passando attraverso la grazia esoterica di Lorenzo Lotto, la mitologia classica reinventata da Tiziano e Rubens, l’agreste innocenza di Rembrandt e l’erotismo voyeur di Boucher e Picasso, senza dimenticare una quantità di invenzioni spesso poco note di maestri e artisti minori, che sono qui interpretate anche grazie al confronto con opere letterarie fondamentali come l’Hypnerotomachia Poliphili o Gargantua e Pantagruel.

Con esattezza e concisione, in queste pagine magistrali si intrecciano religione e alchimia, figurazione simbolica e realismo, dottrina e scandalo – fino alla profanazione –, erotismo e innocenza, brutalità e tenerezza. A prendere forma è così non solo una stravagante rassegna, ma una decodifica pungente di secoli di iconografia e cultura europea: la storia del nostro sguardo segreto.

Jean-Claude Lebensztejn

critico e storico dell’arte francese, è professore emerito all’Università di Parigi Panthéon-Sorbonne. Nella sua decennale carriera accademica si è occupato di numerosi e poliedrici ambiti di ricerca, che spaziano da Pontormo a Malcolm Morley, dall’arte classica a quella del xviii e del xx secolo, fino alla musica e al cinema, con una particolare attenzione alle questioni del gusto e delle norme estetiche. Importante studioso di Cézanne, ha scritto il testo di riferimento Études cézanniennes (2006) e curato l’edizione critica delle lettere del pittore, Cinquante-trois lettres (2011). Tra i suoi ultimi libri: Pygmalion (2010), Déplacements (2014) e Kafka, Sade, Lautréamont. Rêve déchiré (2017).

 

Prodotti correlati

Elogio della modernità

Elogio della modernità

Flavio Caroli
L'ultimo Leonardo

L'ultimo Leonardo

Pierluigi Panza
L'invenzione di Caravaggio

L'invenzione di Caravaggio

Roberto Cotroneo
Les Italiens

Les Italiens

Rachele Ferrario