I vinti del Risorgimento

I vinti del Risorgimento
Storia e storie di chi combatté per i Borbone di Napoli

  • Autore Gigi Di Fiore
  • Editore UTET
  • Genere Saggistica
  • Formato Brossura con alette
  • Pagine 384, 16 pp inserto in b/n
  • Data di uscita 01.06.2021

Quasi tremila morti, migliaia di dispersi e deportati: fu questo il Risorgimento per i vinti nel Mezzogiorno d’Italia. Dallo sbarco di Garibaldi fino alla capitolazione dell’esercito delle Due Sicilie a Gaeta passarono appena nove mesi.
Tanto bastò a sfaldare un regno, che la dinastia dei Borbone aveva guidato per 127 anni. Su quel tracollo solo ora emerge finalmente nella sua interezza uno spaccato da conquista militare: diplomazia, forza delle armi e politica riuscirono a creare le condizioni per un’annessione al Piemonte che violava le norme del diritto internazionale, realizzata con i fucili senza il consenso delle popolazioni. In poco tempo le regioni meridionali, con nove milioni di abitanti, furono “italianizzate”: azzerati monete, codici penali e civili, burocrazie.
Tra il 1860 e il 1861, come mette in luce l’autore con sapienza narrativa e documentazione inedita e ricca di particolari, gli sconfitti, protagonisti di questa dettagliata ricostruzione storica, furono soprattutto migliaia di pastori, carbonari e contadini del Matese, delle Puglie, delle campagne salernitane, della Sicilia, dei Tre Abruzzi, del contado del Molise, della Calabria, di Napoli. Un esercito di oltre cinquantamila uomini: meridionali, a difendere quella che allora era la loro patria. Su quei mesi, sui militari, sulla generazione che realizzò nel concreto il Risorgimento, sia nella vittoria sia nella sconfitta, l’Archivio Borbone è una miniera ancora poco esplorata.
E da quelle carte, come da molte altre fonti esaminate negli anni da Di Fiore (memorie autobiografi che di ufficiali borbonici, piemontesi e garibaldini, la collezione della “Gazzetta di Gaeta”, documenti in parte trascurati negli archivi di mezza Italia) emergono anche i piccoli drammi personali, storie di eroismi, opportunismi e miserie, comuni a tutti i trapassi di epoche e poteri, che arricchiscono questo affresco sugli ultimi giorni dell’esercito borbonico e del Regno delle Due Sicilie.

Potrebbero piacerti anche

La Camorra e le sue storie
Pandemia 1836

Pandemia 1836

Gigi Di Fiore
Napoletanità

Napoletanità

Gigi Di Fiore

Prodotti correlati

Cinema Italia

Cinema Italia

Giovanni De Luna
Non ce lo dicono

Non ce lo dicono

Errico Buonanno
Napoleone il Grande

Napoleone il Grande

Andrew Roberts
Il Partito della Resistenza

Il Partito della Resistenza

Giovanni De Luna
Il Pascià

Il Pascià

Domenico Quirico
Marcia fatale

Marcia fatale

Adam Zamoyski