Bomber mafia

Bomber mafia
Gli scienziati, i generali e i piloti che volevano cambiare le sorti della seconda guerra mondiale

La prima guerra mondiale aveva segnato l’alba di una nuova era, mostrando il potenziale militare dell’aviazione. Forse anche per questo fu a lungo malvista dai settori più tradizionalisti dell’esercito statunitense: quel potenziale rischiava di cambiare per sempre la guerra per come la conoscevano. Questo era di fatto il progetto di un gruppo di generali e piloti soprannominato Bomber Mafia: superare i bombardamenti notturni a tappeto, con i loro esiti casuali e rovinosi tra i civili, ambendo invece ad attacchi diurni di precisione da alta quota che mirassero soltanto agli stabilimenti produttivi del nemico. Questo nuovo modo di concepire i conflitti non era solo una strategia, ma incarnava un’ideologia, una possibilità etica e morale di accorciare le guerre e diminuire le vittime. Forte del sistema di puntamento Norden ― talismano della Bomber Mafia ―, il gruppo sperimentò strategie per rovesciare le sorti della seconda guerra mondiale: i raid sulle fabbriche di cuscinetti a sfere per colpire al cuore la macchina bellica nazista; la conquista delle isole Marianne, su cui costruire piste per i B-29 diretti in Giappone; la rischiosa sorvolata del monte Fuji per puntare alle industrie di motori dei caccia nipponici. Per un attimo era sembrato davvero che le idee della Bomber Mafia potessero rivoluzionare il futuro dei conflitti, ma tutti i loro tentativi di concretizzarle fallirono più o meno miseramente e la guerra continuò nello stesso modo, cruento e brutale, conosciuto fino ad allora. Perché le cose non andarono come quei sognatori avevano sperato? Come si passò dai bombardamenti di precisione al napalm e alla bomba atomica?

Potrebbero piacerti anche

Prodotti correlati

Cremlino

Cremlino

Catherine Merridale
La nostra guerra 1940 - 1945
Cinema Italia

Cinema Italia

Giovanni De Luna
I vinti del Risorgimento

I vinti del Risorgimento

Gigi Di Fiore
Non ce lo dicono

Non ce lo dicono

Errico Buonanno