Il Pascià

Il Pascià
L’avventurosa vita di Romolo Gessi, esploratore

Tra passato e presente, la storia dimenticata di un italiano che esplorò l’Africa e combatté gli schiavisti.

«Domenico Quirico è uno di quei giornalisti per cui ha ancora senso consumare le scarpe per andare alla ricerca non solo di una notizia, ma di qualcosa da raccontare ai lettori di oggi e alle generazioni future.» La Stampa

Tra i nomi dei grandi esploratori ottocenteschi dell’Africa uno dei più brillanti, ma oggi più oscuri, è certamente quello di Romolo Gessi. Personaggio leggendario, nella sua breve e intensa vita incarnò perfettamente lo spirito del tempo: prima di inoltrarsi verso l’equatore, fu interprete nella guerra di Crimea e militare al servizio di Garibaldi durante la campagna del Trentino; poi, spinto dal celebre generale britannico Gordon, divenne maggiore dell’esercito d’Egitto, cominciando la sua romanzesca avventura nel continente africano. Unico italiano a partecipare alla scoperta della foce del Nilo, divenne governatore e pascià della provincia equatoriale del Sudan e qui combatté ed estirpò la tratta araba degli schiavi verso il mondo islamico.

Gessi seguì l’invito di Kipling a portare il fardello dell’uomo bianco, credendo, da figlio del suo tempo, nella missione civilizzatrice degli europei in Africa, ma sempre gli restò «vivo il sospetto di esser lo strumento di disegni assai meno limpidi e umanitari, di pacificare insomma l’Equatoria per far posto, dopo gli impresentabili negrieri, ai più accorti e “moderni” colonialisti britannici», come emerge dai suoi diari.

Domenico Quirico, tra i più sensibili cronisti del continente africano, ripercorre le orme di Gessi e della sua coorte di personaggi salgariani, sovrapponendo, in un costante dialogo tra passato e presente, l’immagine romantica dell’Africa ottocentesca a quella attuale. Dopo più di due secoli, infatti, nonostante l’apparente retrocessione dei domini occidentali, quell’alveare di drammi e povertà – governato da rivoluzionari fatti della stessa stoffa dei dittatori che hanno deposto, capaci delle peggiori atrocità in nome dell’uomo nuovo africano – è tutt’altro che libero e pacificato.

Accanto al riconoscimento delle evidenti colpe imperialiste, ll pascià restituisce un resoconto più sfumato, che, senza accondiscendere a un terzomondismo consolatorio, rivaluta meriti e colpe di un grande avventuriero in nome di una verità storica e giornalistica priva di pregiudizi ideologici.

Prodotti correlati

Napoleone il Grande

Napoleone il Grande

Andrew Roberts
Il Partito della Resistenza

Il Partito della Resistenza

Giovanni De Luna
La Camorra e le sue storie
Marcia fatale

Marcia fatale

Adam Zamoyski
Compagni!

Compagni!

Federico Mello