L'arte di costruire una barca
Un padre, una figlia e il grande mare aperto

Jonathan Gornall è un uomo che per lavoro usa le parole, non le mani. È nato nel Suffolk, sulla costa inglese bagnata dal Mare del Nord, fa il giornalista e ama il mare più di ogni altra cosa. Cresciuto con il mito di navigatori e avventurieri, per due volte ha tentato di attraversare l’Atlantico a remi, rischiando seriamente di non tornare a casa vivo: la stella polare della sua vita adulta, insomma, è ancora quel senso di libertà e d’avventura incontrato leggendo da bambino Il vento tra i salici di Kenneth Grahame. Da quando è nata sua figlia Phoebe, e la vita è cambiata di colpo, Jonathan non riesce a togliersi dalla testa un’immagine: quella di un ragazzo intento a costruire una barca, che campeggia sulla copertina di un libriccino di Rudyard Kipling. Quella figura, rimasta per anni assopita sotto la polvere di una mensola, sembra essersi ridestata per sfidarlo. E lui accetta la sfida. Come romantico e visionario dono d’amore per Phoebe, Jonathan decide di costruire, pezzo per pezzo, quella barca: una barca tradizionale, di legno a fasciami sovrapposti, solo con l’aiuto delle sue mani morbide, di un senso pratico limitato e con alle spalle «un’ignominiosa collezione di disastri sul fronte del bricolage». Inizia così un viaggio duro e dolcissimo, fatto di fatica e dedizione, di grandi slanci e difficoltà all’apparenza insormontabili, di bonacce e paure: un viaggio che conduce Jonathan non solo a conoscere come pochi, e a raccontare come nessun altro, L’arte di costruire una barca , ma a mettere alla prova come mai aveva fatto prima se stesso e il proprio amore.

«Un libro magico.» ‘The Sunday Telegraph’

Prodotti correlati

La vita inizia dove finisce il divano

La vita inizia dove finisce il divano

Veronica @Spora Benini
Il coraggio di non piacere

Il coraggio di non piacere

Ichiro Kishimi, Fumitake Koga
Devo dirti sempre tutto

Devo dirti sempre tutto

Marie-Laure Monneret
La vita dolce

La vita dolce

Angela Lombardo