La metafisica

La metafisica, opera appartenente al gruppo degli “scritti esoterici” di Aristotele, è composta da quattordici libri ed è stata risistemata tre secoli dopo la morte del filosofo da Andronico di Rodi. Con il titolo “metafisica” – attribuito non da Aristotele, ma dai suoi discepoli – è tramandata una raccolta di testi, composti in tempi diversi e da punti di vista differenti, incentrati sulla scienza teoretica, che il filosofo considerava la più alta e importante. Il termine “metafisica” (ta metá ta physiká), infatti, si presta a più interpretazioni, come “ciò che viene dopo la fisica”, intendendo che il suo studio dovrebbe seguire quello della fisica, o come “ciò che è più importante della fisica”, dal momento che tratta problemi più fondamentali fornendo risposte più rilevanti.
Aristotele indicò questa scienza con nomi diversi – teologia, sapienza, filosofia prima (in contrapposizione alla fisica che è la filosofia seconda) – e la definì in quattro modi: studio delle cause e dei principi primi, studio dell’essere in quanto essere; studio della sostanza; studio di Dio e della sostanza immobile. Il suo oggetto d’indagine è dunque la realtà in generale, ovvero gli aspetti fondamentali e comuni di tutta la realtà.

Prodotti correlati

Abbagnano. Una vita per la filosofia

Abbagnano. Una vita per la filosofia

Rosanna Panelli Marvulli, Giovanni Fornero
Io sono dinamite

Io sono dinamite

Sue Prideaux
La notte del mondo

La notte del mondo

Diego Fusaro
Identità

Identità

Francis Fukuyama
Rompere le regole

Rompere le regole

Marco Belpoliti, Giovanni De Luna, Nicola Gardini, Nadia Fusini, Fabrizio Gifuni, Francesca Rigotti
La rivoluzione democratica in Francia

La rivoluzione democratica in Francia

Nicola Matteucci, Alexis de Tocqueville