Venezia tradita
All'origine della "questione veneta"

Molti veneti si considerano italiani per sventura o per costrizione, come dimostrano le recenti polemiche sul referendum – giudicato incostituzionale – per l’uscita del Veneto dall’Italia. Ma quali sono i motivi ideologici che animano questi “italiani riluttanti”? Da dove nasce il loro desiderio di andarsene? È da rintracciare solo nell’odierna crisi economica?Lorenzo Del Boca risponde a queste domande partendo dalle origini: dal 1866, anno in cui, a conclusione della terza guerra d’indipendenza i veneti si sono trovati italiani nonostante la vittoria ottenuta dalla Serenissima contro i Savoia, dopo il plebiscito del 21 e 22 ottobre.

Un evento che si può considerare simbolico della vera storia del Risorgimento, una storia troppo spesso celebrata acriticamente nella prospettiva unitaria filopiemontese e che invece, come dimostrano i fatti, ha avuto risvolti ben diversi e problematici. Venezia tradita costituisce, da questo punto di vista, un tassello importante per capire perché, a oltre 150 anni dall’Unità, fatta l’Italia non si sono ancora fatti gli italiani.

 

Potrebbero piacerti anche

Prodotti correlati

Storia dei templari in otto oggetti

Storia dei templari in otto oggetti

Simonetta Cerrini, Franco Cardini
Elisabetta, l'ultima regina

Elisabetta, l'ultima regina

Vittorio Sabadin
La trama del mondo

La trama del mondo

Kassia St Clair
Jack lo Squartatore
Storia dell’Europa in 24 pinte

Storia dell’Europa in 24 pinte

Mika Rissanen, Juha Tahvanainen